Pagamento in ritardo dell’IMU: sanzioni e modalità di versamento

Casa

Il 17 dicembre è arrivato e il conto alla rovescia per la scadenza dell’Imu 2012 volge al termine. Oggi, infatti, è l’ultimo giorno per mettersi in regola con il pagamento della tassa più discussa dell’anno e, pertanto, si preannuncia una giornata intensa agli sportelli di banche, uffici postali e Centri di Assistenza Fiscale.

Abbiamo già parlato delle modalità di pagamento ma per coloro che non rispetteranno la scadenza cosa accadrà?

Chi per qualsiasi motivo non dovesse riuscire a saldare l’imposta potrà comunque pagare nei giorni successivi con una mini-sanzione. Per chi pagherà dopo la data odierna, infatti, sarà possibile mettersi in regola attraverso lo strumento del ravvedimento operoso calcolando, oltre alla sanzione, gli interessi legali del 2,5% annuo in base ai giorni di ritardo nel pagamento.

Dettagliatamente, in base al differimento dei termini, è possibile distinguere tre modi diversi per il pagamento in ritardo:

  • Sprint
  • Breve
  • Lungo

Ravvedimento Sprint

Il ravvedimento “Sprint” si ha quando il pagamento viene effettuato entro i 14 giorni successivi alla scadenza del termine. In questo caso è prevista la sanzione dello 0,2% giornaliero da applicare all’importo del tributo.

Esempio:

  1. Importo Imu da versare 200 euro e pagamento 13 giorni dopo la scadenza
  2. 0,2 x 13 = 2,6% (sanzione da applicare all’importo del tributo);
  3. (200 x 2,6) :100 = 5,2 euro (sanzione)
  4. (200 x 2,5 x 13) : 36500= 0,18 euro (interessi legali)
  5. 200 + 5,2 + 0,18 = 205,38 euro (Importo Imu comprensivo di sanzione e interessi legali)
  6. Per 13 giorni di ritardo, dunque, l’importo che si pagherà in più è pari a 5,38 euro.

Ravvedimento Breve

Se il ritardo è compreso tra il 15° giorno ed entro un mese la sanzione sarà del 3%.

Esempio:

  1. Importo Imu da versare 200 euro e pagamento 25 giorni dopo la scadenza.
  2. (200 x 3) : 100 = 6,00 euro (sanzione)
  3. (200 x 2,5 x 25) : 36500 = 0,34 euro (interessi legali)
  4. 200 + 6,00 + 0,34 = 206,34 euro (Importo Imu comprensivo di sanzione e interessi legali)
  5. Per 25 giorni di ritardo, l’importo che si pagherà in più è pari a 6,34 euro.

Ravvedimento Lungo

Se il versamento fosse effettuato con un ritardo superiore ai 30 giorni ed entro un anno dalla scadenza prevista per il pagamento dell’imposta, la sanzione prevista sarà del 3,75%.

Esempio:

  1. Importo Imu da versare 200 euro e pagamento 60 giorni dopo la scadenza.
  2. (200 x 3,75):100 = 7,50 euro (sanzione)
  3. (200 x 2,5 x 60) : 36500 = 0,82 euro (interessi legali)
  4. 200 + 7,50 + 0,82 = 208,32 euro (Importo Imu comprensivo di sanzione e interessi legali)
  5. Per 60 giorni di ritardo, l’importo che si pagherà in più è pari a 8,32 euro.

Compilazione del modello

Per la compilazione del modello di versamento, sia la sanzione che gli interessi si cumulano assieme al tributo dovuto e, pertanto utilizzato lo stesso codice. La correzione risulta dalla barratura della casella relativa al ravvedimento.

Lascia un commento