Prima casa: agevolazioni per l’acquisto

Comprare Casa

Per usufruire delle agevolazioni per l’acquisto della prima casa è necessario che sia l’immobile che il potenziale acquirente siano in possesso di requisiti ad hoc.

Se l’immobile viene acquistato dall’impresa costruttrice entro 4 anni dalla dichiarazione di fine lavoro le agevolazioni previste sono:

  • Iva ridotta al 4% e si paga sul prezzo di acquisto;
  • Imposta di registro in misura fissa di 168 euro;
  • Imposta ipotecaria in misura fissa di 168 euro;
  • Imposta catastale in misura fissa di 168 euro.

Se, invece, si acquista da privato o da impresa dopo 4 anni dalla dichiarazione di fine lavori le agevolazioni saranno:

  • Imposta di registro con aliquota ridotta del 3%;
  • Imposta ipotecaria in misura fissa di 168 euro;
  • Imposta catastale in misura fissa di 168 euro.

In questo caso, l’Iva si paga sul valore catastale rivalutato dell’immobile che sarà calcolato moltiplicando la rendita catastale per 115.50.

Se hai intenzione di acquistare la prima casa cerca tra i nostri appartamenti in vendita a partire da 113.000€ o richiedi maggiori informazioni.

Le caratteristiche dell’immobile

Per consentire al potenziale acquirente di usufruire delle agevolazioni fiscali prima casa, è necessario che l’immobile soddisfi questi parametri:

  • deve essere classificato come abitazione, catastalmente classificato tra le categorie A/1 e A/11;
  • non deve essere classificato “di lusso” secondo il decreto ministeriale 218/1969
  • l’immobile deve trovarsi nel comune dove l’acquirente ha o, entro 18 mesi, intende trasferire la residenza.

I benefici possono essere applicati anche alle pertinenze dell’abitazione ma con il limite di una per ciascuna delle categorie catastali C/2 (cantina o soffitta), C/6 (garage o box) e C/7 (tettoia chiusa o aperta).

Le caratteristiche dei beneficiari

Se l’immobile rispetta le caratteristiche esposte, occorre che il potenziale acquirente

  • entro 18 mesi dall’acquisto, si impegni a stabilire la residenza nel territorio del Comune dove è situato l’immobile da acquistare, se già non vi risieda;
  • non sia titolare esclusivo o in comunione con il coniuge di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di un’altra casa di abitazione nel territorio del Comune dove sorge l’immobile oggetto dell’acquisto agevolato;
  • non sia titolare, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni fiscali prima casa che si sono susseguite negli anni.

Potranno usufruire delle agevolazioni prima casa sia i cittadini stranieri che gli emigrati all’estero.

I cittadini stranieri possono acquistare con le agevolazioni prima casa anche se non sono in possesso della cittadinanza italiana, ma, sarà necessario che essi rispettino tutti i requisiti oggettivi e soggettivi richiesti.

Gli emigrati all’estero, invece, dovranno autocertificare la propria condizione di emigrato all’estero e dovranno inserirla nell’atto di acquisto, tuttavia, non è necessario che entro 18 mesi trasferiscano la propria residenza nel comune in cui sorge l’immobile.

Lascia un commento